Tipi di rilegatura: quanti sono e quale scegliere?

magazine punto metallico

La rilegatura è un processo molto importante che segue la stampa. Si tratta di tutte quelle operazioni che portano dei semplici fogli sparsi a unirsi saldamente per formare una raccolta ordinata e consultabile. La rilegatura è alla base del concetto classico e tradizionale di libro; rilegare infatti è un'antica pratica, da alcuni considerata anche come arte, che porta alla creazione di un oggetto di consultazione vero e proprio. Come lo dice la parola stessa, rilegare, deriva da legare ossia unire e mettere insieme. Nel caso del libro si mettono insieme fogli attraverso delle tecniche che possono determinare i tipi di rilegatura. Esistono davvero dei mondi da esplorare quando parliamo di rilegatura.


Ogni tipologia, soprattutto se parliamo di storia del libro e dell'editoria, ha una forma particolare, ci racconta una storia a sé e ci dice molto del periodo in cui tale rilegatura è stata applicata. Gli studiosi dei libri antichi danno moltissima importanza alla rilegatura. Questa ha un valore particolare perché la raffinatezza del processo di unione delle pagine può indicare il livello di avanzamento tecnico di una determinata società. Rilegare diventa quindi un'operazione che va oltre il semplice assemblamento di fogli e pagine. Esso diventa un processo raffinato, ragionato e di professione. Il periodo cardine che ha determinato l'affermazione del "rilegatore" come vera e propria professione di prestigio è quello legato alla famosa pubblicazione della Bibbia di Gutenberg attraverso il sistema di stampa a caratteri mobili. L'invenzione della stampa intesa in senso moderno è quindi un periodo fondamentale, che genera uno spartiacque tra il periodo del libro antico e il periodo del libro "moderno" e fruibile, disponibile alla nobilità come alla borghesia.
Siamo nel 500, nella terra che oggi corrisponde alla Germania ed è proprio quest'area europea che vede la nascita delle arti e delle professioni legate al mondo dell'editoria. Il rilegatore in quegli anni, inizio'ad avere un ruolo davvero importante e prestigioso. Egli era colui che con meticolosità applicava le tecniche più avanzate per far sì che il libro da rilegare potesse avere una forma durevole nel tempo ed esteticamente gradevole. Rilegare significava dunque dare un valore aggiunto al libro, abbellirne la forma, conferire ad esso un certo valore artistico (che aveva sicuramente delle importanti ricadute per quanto riguarda il costo).
Rilegare è dunque un processo di maestria, che richiede impegno, precisione, attenzione al dettaglio e ovviamente ricerca. La ricerca dei materiali più adatti per far sì che il libro possa essere "robusto" e durevole, la ricerca delle tecniche che garantivano una maggiore stabilità al volume e anche le tecniche estetico-artistiche che rendevano la rilegatura un vero e proprio abbellimento al libro. Avete mai visto dei volumi antichi? Ebbene, se non lo avete fatto vi consigliamo di andare nella biblioteca della vostra città e di curiosare tra i volumi della stessa. Sarà proprio dalla rilegatura che sarete colpiti! I dorsi dei libri antichi mostrano infatti le linee della classica e sempre affascinante rilegatura a filo, che rappresenta forse la primissima forma di rilegatura dai tempi di Gutenberg e che viene usata anche oggi per rilegare volumi di un certo rilievo come le Bibbie, i testi religiosi o le opere di illustri autori. 

Tipologie di rilegatura nello specifico

punto metallicoCol passare degli anni, dei decenni e, sì, dei secoli, la rilegatura ha visto notevoli processi di trasformazione dovuti principalmente all'avanzamento della tencologia e alle innovazioni che hanno permesso di creare una vasta gamma di tiplogie di rilegatura dei volumi. Se nel primo paragrafo abbiamo parlato dell'importanza storica e culturale della rilegatura, qui parleremo delle principali tipologie di rilegatura che ci offre oggi il mercato.
Vi chiederete: perché esistono diversi tipi di rilegatura? Beh perché come abbiamo detto precedentemente rilegare significa dare un valore aggiunto all'opera, per questo motivo è un processo importante che determina le diverse tipologie di pubblicazione con cui abbiamo a che fare. Ogni rilegatura ha infatti delle particolari caratteristiche pratiche ed estetiche che la rendono particolarmente adatta a un certo tipo di documento:

  • Rilegatura a punto metallico o pinzatura a sella
  • Rilegatura in brossura incollata
  • Rilegatura in brossura a filo refe

Iniziamo con uno dei più comuni tipi di rilegatura: la pinzatura a sella. Perché iniziamo proprio da quì? Perché si tratta della tipologia di rilegatura più comune! In cosa consiste?
Semplice, i fogli vengono rilegati attraverso dei punti metallici che vengono applicati sul dorso delle pagine piegate. Questa è la rilegatura che viene utilizzata per riviste, stampe pubblicitarie e periodici, quindi pubblicazioni che ci capita di avere tra le mani molto molto spesso.
Passiamo poi ad un'altra tipologia molto comune ossia la rilegatura a brossura incollata. In questo caso i fogli anziché essere pinzati per essere uniti tra di loro, vengono uniti e incollati al medesimo dorso attraverso una procedura particolare. Questa tipologia è molto comune e rappresenta una forma più durevole rispetto alla pinzatura a sella perché i fogli, essendo incollati, rimarranno più saldamente uniti tra loro e sarà più difficile rimuoverli. Si tratta dunque di un metodo che presenta un vantaggio rispetto alla pinzatura a sella, ossia il fatto di poter contenere un numero più voluminoso di fogli.
Come abbiamo detto, la rilegatura a filo è una delle più antiche tecniche di rilegatura ma non per questo è stata abbandonata.

La rilegatura a filo refe esiste ancora ed è davvero diffusissima, basti pensare ai libri e ai volumi più "altisonanti" come bibbie, libri d'arte, romanzi e libri illustrati. Insomma ad ognuno la sua rilegatura e ovviamente ad ogni rilegatura il suo prezzo.
Non possiamo comparare una rilegatura a filo, ancora considerata come una delle più pregiate, con una rilegatura a spirale ad esempio. Non per questo la rilegatura a spirale può considerarsi una tipologia meno valida! Tutto dipende dal contesto e da quale tipo di pubblicazione dobbiamo stampare. Nel mondo della grafica pubblicitaria e della comunicazione aziendale sono molte le tipologie di rilegatura che vengono usate per realizzare brochure, opuscoli, cataloghi e raccolte. In questo caso non è detto che una rilegatura "più economica" sia meno efficace rispetto a una rilegatura più blasonata. Ciò che fa la differenza è saper trovare un compromesso tra la forma finale e la praticità!